Terracina: il Sindaco che non c’è! 

A Terracina c’è un Sindaco? Sulla carta sembrerebbe di si, ma nei fatti vige il silenzio. Ormai, a breve, saranno due mesi da quando Francesco Giannetti, sindaco espressione del Centrodestra Unito ha vinto le elezioni, nonostante ciò, la città sembra essersi fermata, così come anche l’attività politica, in un dormiveglia eterno.

E non esageriamo con le parole, perché Terracina sembra davvero l’Isola che non c’è, della famosa fiaba, sospesa tra sogno e realtà e la cosa più assurda e preoccupante è che, invece, la città, per tutte le problematiche in essere, avrebbe bisogno di una task force attiva H24: invece, il massimo che si vede in questi giorni, è qualche foto del Sindaco qua e là, insieme a qualche Assessore, ma per il resto, come detto, vige un silenzio che se non fosse per la bella stagione, definirei “glaciale”.

Da Destra : il Vicesindaco Claudio De Felice, il Sindaco Francesco Giannetti,
L’Assessore allo Sport Alessandra Feudi, il Presidente del Consiglio Comunale
Luca Caringi, al Retrò Festival

Diciasettesimo e tristissimo posto, in provincia, per reddito pro capite, Terracina è una città in cui vige, ora più che mai, una stagione turbolenta. Proviamo a fare giusto qualche esempio, per far comprendere la gravosità delle questioni

1) A Terracina circa 350/400 nuclei famigliari avrebbero bisogno di una casa popolare e il numero va aumentando di mese in mese, di pari passo alla crisi economica, ovviamente non c’è ne un progetto ne tantomeno un’ idea, su come fronteggiare la situazione: semplicemente si fa finta, da anni, che non esista.

2) A Terracina dei circa 750 nuclei tra famigliari e singole persone percettori del RDC, in buona parte, perderà il sostegno, piombando di colpo in povertà e aggravando ulteriormente la situazione: e anche qui, l’unica soluzione messa in atto, è il far finta di nulla.

3) L’ospedale Alfredo Fiorini rischia la chiusura di interi reparti e, di questo, ce ne siamo già occupati, e nessuna amministrazione si è mai opposta più di tanto. Questa, al momento, proprio per niente. Ovviamente, ciò pone un grave rischio per la salute pubblica, calcolando anche l’esponenziale numero di persone anziane in aumento, a cui si aggiunge il calo nascite, dovuto anche a fenomeni migratori giovanili che, purtroppo, interessano la nostra città (giovani che fuggono altrove, alla ricerca di opportunità e servizi alla famiglia). La mancanza di politiche socio-sanitarie non sarà un preludio alla solita privatizzazione della sanità pubblica, a cui tutta la politica ci ha abituati in questi ultimi 30 anni?

4) Le gravose tasse sui rifiuti che stanno mettendo in seria difficoltà intere famiglie: nello specifico, il rinnovo da parte della ex-Giunta Tintari (centrodestra) del contratto con la De Vizia, per altri 3 anni, al costo di 10 milioni di € circa, ha provocato un aumento delle tariffe.

Uno dei mezzi per ritirare la spazzatura della ditta De Vizia Transfer S.P.A

Infatti, secondo dei dati (Legambiente ) relativi al 2019 (non possediamo al momento i dati relativi agli ultimi anni), nel Comune di Terracina, il costo del servizio in €/tonnellata prodotta nel 2019 è di 364,1 €, superiore alla media dei comuni italiani, con un numero di abitanti compreso tra 15.000 e 50.0000 che è di 336 €. L’Emilia Romagna è la best in class (in questa fascia di comuni) con 264,4 €/ton. Il costo totale di gestione del servizio nel 2019 è stato di 9.334.288,73€.
(Passaggio del post di Gabriele Subiaco di Europa Verde visionabile per intero a questo link https://m.facebook.com/groups/876919659475426/permalink/1074852399682150/ )

Le tonnellate di rifiuti urbani prodotte nel 2019 sono state 25.638. Il costo medio, in Italia, del servizio multimateriale leggero, modello Plastica/Metalli porta-porta (quello in uso a Terracina), è di 295€/ton (dati Utilitalia). Il costo pro capite del servizio nel 2019 è di 205,5 €/abitante, superiore alla media dei comuni italiani con un numero di abitanti compreso tra 15.000 e 50.0000 che è di 165,6€.
Il Friuli-Venezia Giulia è il best in class (in questa fascia di comuni) con 136,6 €/ab.

Ovviamente si poteva optare per una gara d’appalto che avrebbe favorito un ribasso e, quindi, un aggravio minore, ma niente. Purtroppo, adesso, la De Vizia, tramite ente riscossore sta bussando alla porta di molte famiglie, soprattutto di quelle più povere che, oltre a non poter pagare per ovvi motivi, si ritroveranno con pignoramenti e guai giudiziari: e il Sindaco che fa? Sta in silenzio.
(Ulteriori info: https://latinatu.it/terracina-rifiuti-giunta-rinnova-servizio-a-de-vizia-urbaser-senza-gara/?fbclid=IwAR2iwhI89LbVxhebrsHjTyA34kqdi6D23IY2gqNIgKuRtsA9HVo-mHoFca8 )

5) La rete stradale totalmente disastrata: buche, anzi crateri, interi tratti di strada chiusi (vedi zona Lungofiume altezza Coop ittiche) e la strada davanti Parco della Rimembranza.

Parco della Rimembranza (Parco del WWF) – Foto dal sito – Terracina (LT)

6) Spiaggia libere completamente abbandonate a stagione ormai inoltrata: ad oggi, mentre viene scritto questo articolo, le spiagge libere del Comune di Terracina sono sprovviste delle più elementari norme di sicurezza: non ci sono bagnini, non ci sono passerelle per i disabili, non ci sono in molti tratti discese a norma, per disabili e persone; insomma, tutto è nel caos e siamo solo a Luglio. Dovesse accadere qualcosa? La responsabilità di chi sarà? 

Periferie abbandonate, servizi ai minimi, nessun piano per le persone senza reddito o per i nuclei famigliari in difficoltà, sanità al collasso sono solo alcune delle situazioni imminenti che la Giunta ed il Sindaco Giannetti dovrebbero affrontare; invece, sono stati fatti solo due Consigli Comunali e ancora si stanno facendo le varie nomine.

Primo Consiglio Comunale del Comune di Terracina – Prov. di Latina

Si sta creando una bomba sociale senza precedenti e la politica rimane immobile, il Sindaco non si pronuncia e, con lui, l’intera maggioranza è chiusa in un assordante silenzio, purtroppo non si rilevano voci particolari neanche dall’opposizione, la quale immotivatamente tace, dinnanzi a tutto questo, se non per qualche intervento da parte di Europa Verde

Sindaco, un’altra domanda: quando comincerete ad attuare il programma per il quale lei e tutto il Centrodestra siete stati votati? Vi ricordo che avete ereditato tutti i problemi delle passate amministrazioni a fiera guida FDI e sta a voi risolverli e dimostrare di essere il nuovo, altrimenti, sarete corresponsabili di tutto ciò che accadrà.

Nella speranza che questo articolo possa dare una scossa e possa essere spunto di riflessione, si attenderanno gli eventi e si rimarrà vigili sulle questioni citate. Sindaco Giannetti, se ci sei batti un colpo, non c’è più tempo, e lei con la sua Giunta rischiate di essere travolti da mille problemi! La città non può più aspettare! 

Articolo di Riccardo Esposito



Leggi anche questo articolo

Per le vostre segnalazioni scriveteci a lazio@movimentoroosevelt.com – Movimento Roosevelt Lazio è il blog dei cittadini del Lazio. Indicateci fatti, problemiiniziative sul territorio. Vogliamo dar voce proprio a voi.


Condividi

Iscriviti al Movimento Roosevelt

Condividi