Consiglio Comunale a Terracina: il destino dell’Azienda Speciale

Comune_Terracina

Riepilogo del Consiglio Comunale del 14 Giugno 2022, convocato per le ore 9:00 e iniziato alle ore 9:49, può considerarsi uno dei più importanti degli ultimi tempi, più che altro, per comprendere le proiezioni delle varie forze politiche di maggioranza ed opposizione, sul medio e lungo termine. 

Il punto saliente del Consiglio è stata la presentazione da parte della Consigliera della Lega, Sara Norcia, di una mozione che aveva come oggetto la tanto ormai famosa Azienda Speciale ed, in particolare, le vicende giudiziarie ad essa connesse; per far comprendere meglio la questione e, soprattutto, la sua importanza, farò un piccolo riassunto:

L’Azienda Speciale Terracina è l’Ente Strumentale del Comune di Terracina, costituita ai sensi dell’ art. 114 del D.Lgs. 267/2000 e successive modificazioni ed integrazioni. Con deliberazione consiliare del 2/09/2009, il Comune di Terracina ne ha disposto la costituzione per la gestione dei Servizi Sociali e dei Servizi Tecnologici e Manutentivi in autonomia contabile e gestionale, approvandone lo Statuto.

Azienda Speciale – Terracina

Come previsto dallo Statuto Aziendale, le principali attività istituzionali che fanno capo a tali macro-aree sono suddivise nelle seguenti categorie di servizi: Servizi alla Persona e alle Famiglie; Servizi Socio Assistenziali; Servizi Manutentivi e di Guardiania; Innovazione Tecnologica, nonché servizi di sostegno e di sviluppo delle politiche sociali 

Questa descrizione presa direttamente dal sito della stessa, fornisce, in breve, tutta la spiegazione sulle sue principali funzioni, purtroppo però da molto tempo, l’Azienda Speciale e la sua Direttrice Carla Amici sono al centro della bufera per delle vicende giudiziarie; difatti, la Corte dei Conti, in data 8 Maggio (data in cui è apparsa la notizia sui giornali e media locali), ha citato in giudizio La Direttrice Carla Amici, la Sindaca Roberta Tintari e organi del CDA dell’azienda (Consiglio di Amministrazione)

Il tutto nasce dall’esposto presentato dall’associazione Antonino Caponnetto, a marzo 2021, nel quale si fanno notare delle violazioni dello Statuto dell’Azienda stessa: luogo del contendere, in breve, l’applicazione del contratto collettivo nazionale del lavoro, da parte della Direttrice, nonché il suo stesso doppio ruolo come Dirigente dell’Azienda Speciale e al contempo consulente dell’azienda stessa.

Associazione Caponnetto – Terracina (LT)

Senza entrare in dettagli che richiederebbero svariati approfondimenti anche di natura tecnico/politica, la retribuzione della Direttrice, che ammonterebbe ad oltre 200.000 annui (il tutto fu illustrato nella trasmissione Meo Patacca del 20 Gennaio 2021 dall’Avvocato Massimiliano Cesare Fornari, mai smentito) e svariate irregolarità emerse peraltro, anche in sede di ispezione presso il Comune di Terracina effettuata nel 2011 da parte del Dott. Domenico Tripaldi.

Nella relazione predisposta dal funzionario, infatti, si evidenziava che la Direttrice Amici non avrebbe potuto svolgere la libera professione in concomitanza con l’incarico dirigenziale ricevuto per evidente violazione di legge.

Questo, in sintesi, insieme ad altre irregolarità, fanno presagire un possibile danno erariale, e ciò ha comportato il rinvio a giudizio non solo della Direttrice Amici e della Sindaca ma anche componenti del vecchio CDA, ovvero Francesco Schininà, Presidente del Consiglio di Amministrazione dal gennaio 2015 al luglio 2016; il vice presidente del CDA e poi Presidente (fino a novembre 2020) Giacomo Percoco, i componenti del consiglio di amministrazione anno 2015 e negli anni successivi fra i quali l’attuale Assessore all’Ambiente, Emanuela Zappone; Tiziana Pasquariello; Cristina Zaccaria; Elettra Percoco.

Direttrice Carla Amici e Roberta Tintari Sindaco di Terracina – Foto da Latina Tu

Un vero caos che, come detto, prima andrebbe spiegato nel dettaglio tecnico e più esaustivamente, cosa che ci ripromettiamo di fare a breve.

Tornando al Consiglio, la mozione della Consigliera Norcia chiedeva sostanzialmente di sollecitare le dimissioni del CDA e la rimozione della Direttrice e dei revisori dei conti dell’Azienda, citando inoltre l’art. 21 dell’azienda stessa.

Sara Norcia, Lega – Terracina (LT)

La mozione fra varie polemiche non è passata, alcuni membri di FDI, fra cui il Consigliere Talone, hanno ribadito con forza la piena fiducia nella Direttrice Amici. Come lui, tutta la maggioranza si è trovata sostanzialmente d’accordo, una fiducia totale e a tratti reverenziale, nonostante nei passati Consigli, membri stessi di FDI, ponevano seri dubbi anche sull’indirizzo politico di certi Enti, fra i quali, appunto, l’Azienda Speciale.

Perché bisogna anche ricordare che la Direttrice Amici è in quota PD, mentre l’attuale e le precedenti amministrazioni sono ed erano fieramente di FDI: strana come cosa, non trovate? La Amici dirige ormai, da 12 anni, tale Ente e ha passato indenne due Amministrazioni Procaccini, il quale mai ha sollevato dubbi in merito (quantomeno, non si ha notizia di ciò), astenuta l’opposizione: FI, Lista Sciscione, PD e la Lega.

Cercando risposte su come mai l’opposizione abbia deciso di astenersi, ho provato a contattare personalmente alcuni esponenti della stessa: l’unico, però, da cui sono riuscito a farmi dichiarare qualcosa è Valentino Giuliani (Capogruppo Lega), il quale, alla domanda su come mai la Lega si fosse astenuta, mi risponde: ” Non siamo soliti votare mozioni che non riteniamo tecnicamente attuabili e dove non veniamo politicamente coinvolti prima della presentazione.”

Valentino Giuliani – Lega Terracina – Foto da Il Messaggero

La vicenda dell’Azienda Speciale, e tutte le controversie che stanno emergendo fra rinvii a giudizio, indagini, e la ferma posizione di certa parte della politica locale, la quale sembra oltremodo non voler neanche mettere in dubbio, per un attimo, l’operato della Direttrice Amici e dell’Azienda stessa, Ente strumentale del Comune (fermo restando le vicende giudiziarie, che si spera si concludano con un nulla di fatto, ma che comunque ci sono), non può non far nascere strane idee e dubbi, che speriamo, come cittadini, di veder chiariti al più presto.

Se, disgraziatamente, il danno erariale e i presunti illeciti dovessero non solo venir confermati, ma addirittura, se fosse vero che gli stessi sono stati perpetrati per anni, FDI Terracina, e tutti i suoi leaders, in primis Nicola Procaccini avranno la totale responsabilità politica di fronte alla cittadinanza

Rimaniamo aperti a chiunque voglia dire la sua in merito alla questione.

Per approfondire: Trasmissione di Meo Patacca 

Latina Tu (articolo completo)

Articolo di Riccardo Esposito


Leggi anche questo articolo

Per le vostre segnalazioni scriveteci a lazio@movimentoroosevelt.com – Movimento Roosevelt Lazio è il blog dei cittadini del Lazio. Indicateci fatti, problemiiniziative sul territorio. Vogliamo dar voce proprio a voi.

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram

Iscriviti al Movimento Roosevelt

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram